sabato 14 maggio 2011

Apple Pie (Torta di Mele)




La domenica il dolce non manca mai .Prepararlo è un rito, approfittando delle mele in dispensa, mi sono cimentata nella preparazione della torta di mele , la Apple Pie.




Il dolce di tradizione inglese, semplice, quasi rustico, conclude degnamente ogni pasto.
E' facile da preparare ed incontra sempre il gradimento degli ospiti, specie se si riesce ad avere una pasta croccante e dorata all'esterno, che racchiude la leccornia di mele all'interno.

Ingredienti per 6 persone:

  • 350 g. Farina
  • 175 g. Burro
  • 6 cucchiai di acqua fredda ghiacciata
  • 1 kg. di Mele golden
  • succo di 1 limone
  • 85 g. Zucchero
  • 1 cucchiaio circa di fecola, o/ maizena
  • Cannella
  • pinoli
  • uvetta

Per glassare
  • 1 cucchiaio di Latte
  • 1 cucchiaio di zucchero

Preparazione:

Sbucciare ed affettare le mele, porle in una zuppiera  ,spruzzandole col succo di limone per non farle annerire,aggiungere lo zucchero, la fecola, i pinoli ,l'uvetta e un cucchiaio di cannella .
La fecola , ha lo scopo di assorbire i liquidi in eccesso, rendendo così la pasta più croccante.

Per la pasta frolla,in una ciotola lavorare farina e burro tagliato a dadini , rapidamente ottenendo delle briciole,versare l'acqua e lavorare usando un coltello, finché la massa si compatta.
Quindi col palmo della mano appallottolare contro il bordo della ciotola.Avvolgere la pasta nella pellicola trasparente e far riposare in frigo per 30minuti.
Passato il tempo di riposo, dividere la pasta a metà, e stendere con il matterello infarinato, in un disco di 35 cm. di diametro.Adagiarla nello stampo infarinato , senza tirarla .
Versare le mele nella base e spennellare il bordo con del latte.Stendere l'altra metà della pasta e sistemarla sulla farcia,sigillare bene i bordi e rifilare la pasta in eccesso.Sagomarla con le dita e spennellare con il latte, praticando un camino al centro.
N B
Per chi non lo sa':
Praticare un "camino" significa fare un piccolo foro al centro della pasta, per permettere all'umidità all'interno di uscire. Così la pasta non si gonfia, e resta croccante. Lo pratico in genere per tutti i dolci e salati che all'interno hanno un ripieno umido. Dopo si possono disporre dei piccoli ritagli decorativi intorno senza coprirlo però.



 Con la pasta  del rifilo , ricavare delle foglie per la decorazione.
Infornare prima a temperatura elevata a 200°,per 15 minuti per colorare la pasta, quindi abbassare a 180° per cuocere la farcia per altri 30/35 minuti, finchè l'esterno è dorato e la farcia morbida al taglio.

10 commenti:

  1. Posso chiederti cosa significa "praticando un camino al centro" ?
    Scusa la mia ignoranza... ma è la prima volta che mi capita di leggerlo. Grazie. Ciao. Catia

    RispondiElimina
  2. @Catia: Praticare un "camino" significa fare un piccolo foro al centro della pasta, per permettere all'umidità all'interno di uscire.
    Così la pasta non si gonfia, e resta croccante.
    Lo pratico in genere per tutti i dolci e salati che all'interno hanno un ripieno umido.
    Dopo puoi disporre dei piccoli ritagli decorativi intorno senza coprirlo però.
    Grazie per il commento, spero di essere stata esaustiva.
    Felice di conoscerti.A presto.
    L.

    RispondiElimina
  3. "Grazie Lina!ieri per i nostri amici a cena ho preparato tre piatti speciali con le tue ricette!' torta rustica ricotta e salame', 'tagliatelle funghi e salsiccia' e per dolce 'apple pie',un successo!!!!abbiamo divorato tutto!!gli amici hanno gradito!!!gli ho mostrato il tuo blog,delizioso! hanno commentato!Grazie,alla prossima gustosa novità!!!"R.

    RispondiElimina
  4. Ottima!per una un po' pasticciona come me,è stato anche semplice prepararla,ovviamente non potevo tralasciare la mia firma,grave errore,ho dimenticato di praticare il forellino sulla superficie,il famoso camino,descritto così chiaramente nella preparazione della ricetta.Chiedo scusa,ma sicuramente non mancherà nella prossima,che ho intenzione di rifare prestissimo.Anche se meno bella di aspetto,il gusto era delizioso,un profumo e una consistenza veramente invitanti.Grazie mille cara amica per tutte le novità che ci proponi.R.

    RispondiElimina
  5. @Rosa: Mi fa' piacere Rosa che siano riuscite tutte bene, grazie per averle provate, e per avermi "presentato" ai tuoi amici. Sono felice che sia andato tutto bene. Un abbraccio , baci..
    Lina

    RispondiElimina
  6. @Rosa: Brava Rosa, non ti preoccupare , per il camino ci pensi la prox volta,intanto ora sai a che serve,l'importante è provarci, sono contenta che ti sia piaciuta,e grazie a te per voler provare le mie ricette.E' un piacere condividere con tutte voi. Un bacione, a presto.
    Lina

    RispondiElimina
  7. Questo mi fa impazzire! Mi ricorda le mitiche torte di Nonna Papera :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto Lucia! Anche io quando l'ho provata la prima volta ho pensato alla torta di Nonna Papera , quella che poggiava sul davanzale!
      E' buonissima, te la consiglio.;)

      Grazie per la visita e i commenti, mi hanno fatto molto piacere,un abbraccio a presto.
      Ciao!

      Elimina
  8. Cavolo è stupenda questa torta, devo assolutamente provarla, grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la consiglio è buonissima,grazie a te!
      Un saluto.

      Elimina

Grazie per la visita e per i commenti che vorrete lasciare.Risponderò a tutti con piacere.Quelli anonimi verranno cancellati.Grazie.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...