venerdì 20 luglio 2012

Acciughe Croccanti con semi di papavero




Acciughe Croccanti con semi di papavero

Buongiorno a tutte, oggi vi posto una ricetta semplice ma dal gusto sorprendente.
Le Acciughe croccanti; con una panatura insolita che le rendono croccanti e gradevoli, per un fritto asciutto e gustoso. Ottime come antipasto sfizioso, come secondo accompagnate da tenera insalatina o come stuzzichini per buffet caldi.




In questo periodo ci sto' poco ai fornelli; ho iniziato il mare già da giugno, e stando via tutto il giorno il tempo è davvero poco.Tra il caldo e la stanchezza manca un po' la voglia di postare ricette.
Oggi vi propongo queste deliziose alici, fresche appena pescate ,dal mare alla padella!
Andrebbe  preferita la cottura al forno alla tradizionale frittura per una migliore digeribilità, ma vi assicuro che provando questa ricetta il fritto risulterà asciutto e ben digeribile.

Le acciughe sono un ottimo alimento: ricche di proteine , ferro e omega 3 importanti per la funzione protettiva su cuore e arterie .Ottima fonte di calcio sono un integratore naturale per chi soffre di osteoporosi.

E ora vediamo insieme la ricetta.

Ingredienti:
per 4 persone
  • 500 g. acciughe fresche
  • 150 g. Farina 00
  • 150 g. Farina di grano duro
  • 150 g. Farina di mais
  • 150 g. Pane grattato
  • 15   g. Semi di papavero
  •   3       Uova
  • Sale q.b.
  • Olio di arachidi per friggere

Procedimento:
Pulire bene le alici, togliere la testa e la lisca e lavarle sotto l'acqua corrente.Asciugarle poi con carta cucina.
Battere le uova con il sale e due cucchiai di acqua.
Mescolare la farina bianca con quella di mais,il pane grattato e i semi di papavero.
Passare le acciughe prima nella farina di grano duro , poi nell'uovo,poi nelle altre farine.
Friggere in olio di arachidi ben caldo .L'olio di arachidi è il migliore per le fritture, poichè tiene meglio il punto fumo.

(ricetta liberamente tratta dal libro - "Vo' fa' Dammangià" di M.&M. Andreini)

Servire in tavola accompagnate da insalata fresca e spicchi di limone.

8 commenti:

  1. che bella panatura, croccantissima, a presto

    RispondiElimina
  2. mamma che buone!
    sono peggio delle patatine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carla, sono molto buone. Un bacione.

      Elimina
  3. Sai a Trieste le alici o acciughe si chiamano "sardoni" ed una delle cose che facciamo sono proprio queste appanate. Ovviamente con usiamo gli ingredienti citati in aggiunta ma a me piacciono e quindi ci provo. Io di solito invece di usare il pane gratuggiato uso il fioretto (la polenta fine fine) che appunto li lascia croccanti.
    Buona fine settimana ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Edvige, anche io usavo una panatura simile alla tua, ma questa è diversa, davvero sorprendente, l'ho imparata al mio ultimo corso di cucina maremmana. Provala pure e fammi sapere. Un bacione ciao.

      PS
      Bella Trieste, mi piacerebbe visitarla un giorno.;)

      Elimina
  4. Bellissima questa ricetta, la proverò e ti farò sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefy, sono deliziose, da provare!
      Grazie per essere passata, ricambio la visita con piacere.
      A presto.Un abbraccio!

      Elimina

Grazie per la visita e per i commenti che vorrete lasciare.Risponderò a tutti con piacere.Quelli anonimi verranno cancellati.Grazie.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...