domenica 2 febbraio 2014

Le Navettes di Marsiglia




Le Navettes di Marsiglia sono un biscotto tipico marsigliese a forma di barca.

Questi biscotti secchi aromatizzati ai fiori d’arancio sono legati a una tradizione antichissima.



Ogni anno il 2 febbraio, il giorno della Candelora, prima dell'alba, al termine di una processione, il vescovo di Marsiglia benedice le Navette e il loro forno.
Il "Four des Navettes", il Forno delle Navette situato di fronte all'abbazia di Saint Victor .



Navettes  de Marseille à la fleur d 'oranger©L.Oggi vi cucino così
Questi biscotti vengono preparati in modo artigianale, confezionati con una pasta fatta da farine accuratamente selezionate.
Le navette hanno un sapore incomparabile, fresco e armonioso dal profumo primaverile di fiori d'arancio. 

Così recita il Four de Navette:
Si tratta di una prelibatezza a forma di barca che ti porta in un viaggio piacevole.
Di color oro come una spiga di grano al sole, leggermente dolce, delicatamente profumata con fiori d'arancio, la sua consistenza è incredibile e ti sorprende.
Le parole non possono sostituire le sensazioni che fioriscono in bocca. In primo luogo si avverte la freschezza, poi si gusta la morbidezza per offrire un bouquet di sapori.


All'origine del nome ci sono due leggende :

Le Navette  ricordano l'arrivo in Provenza delle "Tre Marie" (Maria Maddalena, Maria Salomé e Maria Jacobé), che, con Lazzaro, Marta e altri discepoli di Gesù, secondo la leggenda furono cacciati da Gerusalemme su una barca senza remi e senza vele (da qui la forma data ai biscotti) e approdarono a Sainte-Marie de la Mer, in Camargue (a ovest di Marsiglia).
 Lì vennero accolte da Sarah la nera, che divenne la loro serva e andarono in giro per la Provenza a diffondere il Cristianesimo.
San Lazzaro fu il primo vescovo di Marsiglia.
Santa Marta sconfisse a Tarascona la tarasque, una specie di drago.
Santa Maria Maddalena si ritirò sulla Sainte Baume (una montagna della Provenza).
Sarah invece è la santa venerata dalle popolazioni Rom di Sainte Marie de la Mer.
(fonte Marsiglia 2013)



Un' altra leggenda narra che alla fine del XIII secolo una nave con una statua della Vergine si incagliò nell'antico porto di Marsiglia.
Anche se associate a questo biscotto, queste leggende non spiegano il legame tra questi eventi e la pasta allungata.
Ci sono diverse interpretazioni : è stata, secondo alcuni un segno divino dato  dalla Madonna del Fuoco Nuovo protettrice delle campagne e delle greggi, secondo altri, della Vergine protettrice della gente di mare; comunque siano andate le cose gli abitanti della città  videro in ciò un segno del destino, nonché un segno di protezione .
Per ricordare questa storia  monsieur Aveyrous, fondatore dell’antico Four des Navettes 1781 situato vicino all’abbazia di Saint Victor ebbe l'idea di donare un biscotto a forma di barca, e secondo la tradizione chi mangia questi biscotti sarà protetto e avrà buona fortuna.

Navettes  de Marseille à la fleur d 'oranger©L.Oggi vi cucino così



Oggi nel giorno della Candelora vi propongo la ricetta delle Navettes , per scoprire insieme attraverso un viaggio gastronomico le tradizioni della Provenza legate al periodo del Carnevale.



Ingredienti:

500 g. Farina 00
200 g. Zucchero
50 ml. Olio di Oliva
2 Uova
1 Cucchiaio di Acqua di Fiori d'Arancio
2 Arance grattugiate
1 pizzico di sale
1 Cucchiaino di lievito per dolci
Latte q.b. (per glassare)

Preparazione:

Nella ciotola della planetaria con la frusta a filo, montate lo zucchero con le uova molto bene, fino ad avere una consistenza gonfia e spumosa.
Aggiungete il sale, l'acqua di fior d'arancio e  le scorzette di arancia ,mescolando delicatamente.
Aggiungete l'olio a filo ed incorporatelo al composto di uova piano piano.



Montate la frusta K e aggiungete gradualmente la farina, e terminate il lavoro a mano, fino ad ottenere una pasta liscia e ben amalgamata.
Coprite con pellicola e fate riposare in frigorifero per 1 ora.



Dopo il riposo schiacciate con la mano leggermente l'impasto e tagliatelo in sedici spicchi di uguale dimensione. Rotolate ogni pezzo formando un cilindro di 10 cm. di lunghezza.



Pizzicate con le dita le estremità della pasta e aiutandovi con un tarocco dividete la navetta in lunghezza.


Spennellate con il latte a temperatura ambiente e cuocete in forno a 180° per 20 minuti circa.


Una volta raffreddati potete conservarli  in una scatola di latta.



Et voilà, le Navettes de Marseille  à la Fleur d'Oranger!

Navettes  de Marseille à la fleur d 'oranger©L.Oggi vi cucino così
Buona Candelora!

24 commenti:

  1. Questa ricetta la segno immediatamente! Mi ha piacevolmente colpita e trovo che ti siano uscite belle come una poesia, amica mia!! Troppo graziose!! Sei stata bravissima <3 Un abbraccio e dolce domenica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely che piacere rivederti, grazie mille cara. sono contenta che ti son piaciute oltre ad essere buone ho trovato affascinante la storia che le accompagna, adoro risalire alle origini delle ricette, mi piace condividere le sensazioni che trasmettono.
      Grazie cara, un abbraccio grande!

      Elimina
  2. Ahhh belli, buoni, tu essere brava cheffa :P
    andreadz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea per essere passato e per il gentile commento, sono contenta che ti son piaciute.
      Un caro saluto
      L.

      Elimina
  3. Ciao! carinissimi questi biscotti e molto caratteristica la storia che li accompagna! devono essere proprio buoni, sia croccantini così, sia inzuppati!
    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ragazze, sono molto buoni ,son finiti subito; le cose semplici sono sempre le più buone, la storia la trovo molto suggestiva.
      Un caro saluto, a presto!

      Elimina
  4. che belle che sono devo dire che vanno provate con quel bel profumo di fiore d'arancio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Günther, sono deliziose ricordano tanto la primavera con il profumo di fiore d'arancio, spero siano di buon auspicio che torni il sole presto.
      Un caro saluto
      L.

      Elimina
  5. Che bello conoscere l'origine e le leggende dei cibi! Sono fantastici questi biscotti, sei stata bravissima nel prepararli, la tua descrizione è perfetta, devo provarli! Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Molly mi ha incuriosito oltre la semplicità della ricetta anche la loro storia, sono davvero buoni, sanno di primavera. Grazie per provarli.
      Baci!

      Elimina
  6. Le conosco le navette, mi procurava sempre una bella confezione originale quando andavo a Lausanne per lavoro sono stupende ma prendo nota per mia figlia non ho gli attrezzi giusti per farli e...nemmeno tanta voglia visto che è meglio che il dolce lo dimentichi....Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non occorrono attrezzi Edvige puoi incidere anche con un coltello la superficie.
      Grazie visto che le hai assaggiate mi fà molto piacere il tuo commento sai di cosa parlo.
      Buona serata, a presto.

      Elimina
  7. Ti ho scoperta da Edvige e debbo ammettere che il venirti a visitare istintivamente è stato davvero proficuo. Cosa potevo trovare di meglio e di più invitante di queste navettes?Complimenti per la chiara descrizione e grazie per ave rpostato la ricetta.
    Mi aggiungo subito ai tuoi lettori. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Barbara per essere passata e per i complimenti, piacere di conoscerti, ricambio presto la visita.
      Buona serata.

      Elimina
  8. un post ricco di interessanti notizie e con una ricetta che assolutamente segno
    da provare...questi biscotti sono davvero belli..i miei complimenti!!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enza, grazie per provarli sono buonissimi e facili, adatti anche per la colazione.
      Un abbraccio

      Elimina
  9. Deliziose, mi trovo giusto in tempo per lo spuntino pomeridiano:)
    Complimenti e bacioni!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alda, sono molto buoni, ci sono piaciuti tanto, sono delicati buonissimi inzuppati si sciolgono al palato.
      Un bacione!

      Elimina
  10. sono davvero particolari questi biscotti, in primis pensavo si trattasse di barchette di pane, poi ho capito che erano bellissimi biscotti!!! mi ricordano molto la forma di alcuni panini!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Leciorelle, sono deliziosi e facili , ti riferisci forse alla forma delle biove? Quando cuocevano e si sono aperti ho pensato la stessa cosa anche io.
      Grazie per essere passata e per il commento.
      Ciao, buona serata

      Elimina
  11. che magnifiche navette!!!=)
    non ho mai visto questa stupende ricette!!=)
    mi sono unita ai tuoi lettori fissi!!
    se ti va di passare da me e magari ricambiare se ti fa piace io ne sarei davvero feiscissima!
    a presto buona serata vale
    ps.quante magnifiche ricette!!!=)

    RispondiElimina
  12. Ciao molto bella la storia che accompagna questi biscotti. Ogni anno alla fiera dell'artigianato di rho mi fermo al banchetto che vende queste delizie provenzali. Oltre a quelli classici ai fiori d'arancio ce ne sono di altri gusti come ad esempio mandorla, cannella, anice. Purtroppo però sono molto cari. Mi piacerebbe provare questa ricetta ma mi chiedevo dove posso acquistare l'acqua ai fiori d'arancio, forse in erboristeria? so che è un aroma molto usato per i dolci ma non credo di averlo mai visto al supermercato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marilù, l'acqua di fior d'arancio la trovi anche nei super ben forniti, la vendono in bottigliette di vetro scuro, nel reparto dolci, ( il vetro scuro serve a non far alterare l'aroma, è un'essenza) se trovi le fialette non sono adatte è aroma artificiale.
      Grazie per volerli provare.
      Un caro saluto

      Elimina
  13. E' vero che si può utilizzare anche la lavanda per aromatizzare?

    RispondiElimina

Grazie per la visita e per i commenti che vorrete lasciare.Risponderò a tutti con piacere.Quelli anonimi verranno cancellati.Grazie.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...